Enel Green Power investe nei sistemi di accumulo

By | ottobre 28, 2015
L'accumulo della centrale di Catania 1

L’accumulo della centrale di Catania 1

In Sicilia, più precisamente a Catania, Enel Green Power ha deciso di investire in un impianto di accumulo elettrico segnando un nuovo e futuro indirizzo nel panorama energetico.

L’esigenza è maturata a seguito dei vincoli dovuti alla rete; poichè la centrale fotovoltaica di Catania 1 da 10 MW di picco può cedere energia in rete fino al limite di 8 MW rendendo inutile la sovraproduzione di picco raggiunta nelle ore centrali del giorno. Proprio un sistema di accumulo da quasi 2MWh permette di bilanciare l’energia in esubero da poter rilasciare in rete in modo programmato nelle ore successive.

La tipologia di accumuli su cui è ricaduta la scelta è quella al sale: nel caso particolare si tratta di batterie al sodio/alogenuro metallico perché ben si adattano ai grossi impianti. Il numero di cicli che garantiscono questi apparati è piuttosto importante , circa 3500 cicli, ad una profondità di scarica elevata, pari all’80% di DoD (deaph of discarge).

Particolare attenzione è stata posta nelle scelte dei materiali con cui vengono costruiti questi accumuli che sono in gran parte riciclabili, riducendo così la produzione di rifiuti industriali, salvaguardando l’ambiente.

Enel Green Power ha optato per la tecnologia Durathon sviluppata dalla General Electric, azienda con cui ha sviluppato una partnership per lo sviluppo di progetti sperimentali tesi a rendere più sfruttabili le energie rinnovabili.

Questi sistemi di accumulo permettono di rendere più uniforme il rilascio in rete della produzione di energia da un impianto, come quello fotovoltaico, che è soggetto all’incertezza e all’imprevedibilità delle condizioni metereologiche. Soprattutto in impianti di queste dimensioni è quantomai importante, al fine di salvaguardare la stabilità della rete, sviluppare modalità di accumulo: solo così si risolverà questo problema che è in sostanza il vero handicap del fotovoltaico.

L’idea di Enel Green Power è quella di sfruttare l’esperienza maturata su questo impianto, attivo dal maggio 2015, per esportarla all’estero in paesi sia europei che extraeuropei al fine di integrare lo storage in impianti esistenti. Sono già in studio progetti in molti paesi come Spagna, Perù, Kenya e altri ancora.

La strada per lo sfruttamento intelligente dell’energia fotovoltaica è ancora lunga, ma tutti nel proprio piccolo possono fare qualcosa per migliorare lo sfruttamento della risorsa energetica del futuro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *