GESTIONE ACCUMULI

Affinché l’accumulo possa agire in maniera efficiente è necessario applicare ad esso un dispositivo che inneschi i processi di carica e scarica nei momenti opportuni (carica nei momenti di sovra produzione dell’impianto fotovoltaico rispetto ai consumi e scarica nei momenti di richiesta dall’utenza).

Possiamo individuare essenzialmente tre categorie di tali dispositivi:

1] Dispositivi integrati in un inverter comprensivo di accumuli

Questi inverter comprendono sia gli accumuli che i dispositivi di controllo in un unico componente garantendo compattezza e praticità di installazione. Montano batterie agli ioni di litio che garantiscono compattezza, profondità di scarica e lunga vita utile.

2] Dispositivi integrati in un inverter con accumulo esterno

Questo inverter gestisce un pacco batterie esterno che può essere scelto in base alle esigenze del cliente e al tipo di investimento che intende affrontare garantendo una maggiore flessibilità nella scelta della tecnologia e nel dimensionamento.

3] Dispositivi esterni all’inverter

Sono dispositivi dedicati, separati dall’inverter, che possono essere posizionati a seconda dei modelli fra i moduli fotovoltaici e l’inverter, oppure a valle di inverter e contatore di produzione per evitare nel caso di impianti fotovoltaico con conto energia la perdita di incentivi.